Nel 2017, primo anno di fondazione dell’associazione, Lanciatori del Polesine asd partecipa al Bando della Regione Veneto DGR n .326 del 22 Marzo 2017. Il progetto viene ammesso a contributo finanziario e tutte le attività previste (semine delle specie autoctone luccio italico, tinca e persico reale nelle acque dolci interne della Provincia di Rovigo) vengono svolte e finanziate.
Lo stesso accade nel 2018 quando l’associazione partecipa al Bando della Regione Veneto DGR n. 91 del 26 Gennaio 2018. Questa volta si tratta invece di un progetto didattico, svolto attraverso un percorso formativo di valorizzazione, sensibilizzazione e promozione della pesca sportiva. Passando dalla Scuola dell’Infanzia, per le piazze e le Sale Civiche, fino ad arrivare alla creazione e tabellazione di nuovi tratti di pesca no-kill nella Provincia di Rovigo. A conclusione del progetto una lezioni di pesca con i più piccoli.
Per il terzo anno consecutivo, Lanciatori del Polesine asd partecipa al bando indetto dalla Regione Veneto, Assessorato alla Pesca e Acquacoltura. Si tratta del DGR n.516 del 30 Aprile 2019.
L’associazione vi partecipa presentando ben due progetti, il primo dal titolo: La pesca no-kill, dalla scuola al fiume, il secondo dal titolo: Il ritorno del persico reale e della tinca nelle acque pregiate del polesine. Il primo progetto rientra nell’obbiettivo n.1 del bando ovvero la valorizzazione delle realtà associative della pesca dilettantistico-sportiva presenti nel territorio. Il secondo progetto rientra invece nel terzo obbiettivo del bando che consiste nella tutela e preservazione del patrimonio ittico autoctono, attraverso opere di ripopolamento e reintroduzione di specie ittiche in acque libere.
Tutte le attività previste dai progetti erano state pianificate in anticipo, verificandone la fattibilità e disponibilità degli enti coinvolti. Lo stesso l’Ufficio Pesca della Provincia di Rovigo era stato contattato per l’autorizzazione alle semine. Nonostante la documentazione per la richiesta di contributo fosse stata inviata correttamente e completa, alla fine di Agosto la Regione Veneto non ha ancora elaborato le graduatorie dei progetti ammessi al contributo. Risulta pertanto molto difficile, se non impossibile, poter pensare di realizzare in pochi mesi opere così complesse. Con un po’ di delusione buona parte delle attività vengono messe nel cassetto, mentre Lanciatori del Polesine asd rimane sempre in attesa delle graduatorie di un bando che, pubblicato tardi, potrebbe non chiudersi mai.
Categorie: News

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.